Advenit Ventum Orientis Wiki

Le Spedizioni sono il fine ultimo e d'altra parte il motivo stesso d'esistenza della Loggia. Il loro obiettivo è mappare l'Oceano d'Oriente. Nessuna di esse è mai tornata.

Descrizione

Tradizione vuole che ogni Spedizione abbia il nome in Celestiale di un vento seguito da un numero progressivo; partendo dallo Scirocco Prima si avanza in direzione oraria rispetto alla rosa dei venti.

Quando la Loggia possiede abbastanza oro da poter costruire una Spedizione, il Gran Maestro si affida al consiglio degli Antenati, alcuni fantasmi che abitano la Sala Grande e che benedicono i nomi dei Pionieri scelti per poter partecipare all'impresa.

Fino alla Settima Spedizione, queste erano finanziate dalle missioni dei Pionieri della Loggia, e dopodiché era il Consiglio Ristretto a scegliere alcuni Pionieri a cui affidare la costruzione dell'intera Spedizione. La Riforma del Tesoro blocca la costruzione di nuove Spedizioni per l'Est; le Cronache di Capo Ventura hanno spesso e volentieri criticato la politica suicida della Loggia, accusandola di inviare verso l'ignoto i Pionieri senza la certezza che non stiano andando verso morte certa

Le Spedizioni

Scirocco Prima

Scirocco Prima:
"Ad Ignotum"

La prima ed unica spedizione ad essere tornata indietro, sebbene non avesse solcato l'Est; la Scirocco partì circa 1291 anni fa alla volta dell'estremo nord, scoprendo le terre dei clan nomadi, per poi scendere lungo la Cintura d'Onice senza mai attraversarla. Quando tornò a Capo Ventura, il capitano Morris Burglar portò con sé le preziosissime mappe dell'Arcipelago dell'Orizzonte, permettendo ai posteri di attraversarlo nei punti meno rischiosi.

Nel 1312, quattro anni dopo la partenza della Australia Secunda, andò alla ricerca di quest'ultima e si perse verso Est.

La nave era un Dromone pesantemente armato, con a bordo circa centottanta membri di equipaggio di varie razze ed etnie.

Ruolo Nome Classe
Capitano Morris Burlgar Leader Leggendario
Primo Ufficiale Conrad il Muto
Timoniere Felix l'Astuto
Geniere Jimmy Manofredda
Navigatore Jon Grissom Navigatore
Vedetta Victor lo Sveglio

Australia Secunda

Australia Secunda:
"Sol ex Velis"

Feradora era la figlia di Morris, e dopo l’impresa del padre le fu affidata la Seconda Spedizione insieme alle conseguenti enormi aspettative. C’è chi dice che non fosse ancora pronta a comandare, ma la suggestione di avere come capitano la figlia di una leggenda spinse tutti a sceglierla nonostante non si fosse nemmeno candidata per il titolo.

Il supporto economico fu combinato: una parte delle monete le mise la Loggia, una parte il circolo druidico di Brecilian, in lotta ormai da tempo con le tribù nomadiche; interessati a trovare nuove terre dove permettere ai barbari di vivere senza invadere la propria foresta, investirono oro e magia per creare una nuova nave capace di solcare i mari senza mai degradarsi.

Partì nel 1308 e fu la prima spedizione a non tornare. La Scirocco Prima andò alla sua ricerca, con esito identico.

La Australia era un Vascello con solo due balliste, popolato da un gran numero di druidi e appartenenti alla chiesa di Obad-Hai.

Ruolo Nome Classe
Capitano Feradora Burlgar Chierica di Corellon
Primo Ufficiale Gwalather Trevaskis Maestro delle Molte Forme

Libeccio Tertia

Libeccio Tertia:
"Ex Magicae Dirigit"

Sir Irving Townsend era il Primo Incantatore della Loggia, e dopo aver analizzato gli iniziali fallimenti della Australia e della Scirocco, ipotizzò che la disfatta fosse dovuta all’equipaggiamento obsoleto e alle poche risorse magiche di cui erano a disposizione. Egli costruì l’intera spedizione sfruttando la magia arcana, impiegando una quantità di risorse sproporzionata e giungendo a patti anche con associazioni di dubbia moralità pur di ottenere i fondi richiesti; ufficialmente la Spedizione costò 300'000 monete d'oro, ma c'è chi dice che con i fondi sottobanco, la nave costò in totale più di mezzo milione di monete.

La spedizione partì nel 1361 in direzione sud, con a bordo 30 passeggeri - arcanisti d’ogni genere, compreso l’Arcimago Evra di Saramar. Essa era un Drakkar animata magicamente sotto ogni suo aspetto: si dice avesse cannoni magici e sputasse fuoco, che avesse la capacità di ripararsi da sola e riuscisse a navigare anche senza vento.

Ruolo Nome Classe
Capitano Sir Irving Townsend Geometra
Primo Ufficiale Evra Esher di Saramar Arcimago

Maestrale Quarta

Maestrale Quarta:
"Deus Vult"

Vista la quantità di debiti accumulati dall’incantatore Irving, passarono circa 100 anni prima che una nuova spedizione potesse partire. Edwards, comandante dell'ordine dei Cavalieri di Specchioargento di Vaudemont, riuscì a organizzare una nuova spedizione grazie all’intervento provvidenziale delle Chiese Unite, che finanziarono una grossa parte dei preparativi.

La spedizione partì nel 1460 - con un anno di ritardo, a causa degli eventi che riguardarono la Zephira Nihil - con a bordo molti chierici e paladini, nella convinzione che fosse stata la poca fede negli dei a far naufragare le altre navi. La Maestrale era una Caravella con 30 passeggeri a bordo, perlopiù paladini e ferventi seguaci degli dei solari.

Ruolo Nome Classe
Capitano Chevalier Edward Blake Lama Scintillante di Heironeous
Primo Ufficiale Earnest Lancaster Evangelista
Geniere Chevalier Friedrich Shepard Paladino / Esperto
Caporale Garik Pinklewhipper Chierico / Tessitore del Fato

Tramontana Quinta

Tramontana Quinta, "Homo Faber Fortuna Suae"

Kilian era la figlia di Kerberos Fuinur, e costruì la Tramontana Quinta dopo aver viaggiato per molto tempo nell'Occidente. L'intera Spedizione fu messa in piedi grazie ai fondi che lei stessa aveva accumulato nel corso dei suoi viaggi, dove aveva inoltre conosciuto personalmente ogni membro del suo equipaggio.

A bordo c’erano principalmente volontari - tutte donne, eccetto la vedetta Sahid - che non chiesero uno stipendio ma entrarono in “consocietà” con il capitano.

La Tramontana parte nel 1481, seguendo le orme della Maestrale. La nave era stata costruita seguendo progetti arrivati dall’estremo Ovest, che la Loggia aveva saputo adattare secondo le necessità: era una Trireme partita con circa 60 passeggeri, armata di una ballista, una catapulta ed un mastodontico ariete da guerra.

Ruolo Nome Classe
Capitano Kilian Fuinur Anima Prescelta
Arcanista
Genevieve Loreman
Stregone
Vedetta Sahid Marinaio

Zacinta Sexta

Zacinta Sexta,
"Semper Adamantinus"

Aelumon ereditò i suoi tesori alla morte di suo nonno, quando divenne ufficialmente re di Ughna. Disinteressandosi del regno, preferì prendere una parte di questi tesori e investirli nella Loggia, con il desiderio di costruire una nave degna del nome dei nani e conquistare lo sconosciuto Est. Oltre alle gemme e all’oro, Aelumon portò a Capo Ventura alcune delle menti più geniali del suo popolo, che insieme alla Loggia costruirono in un anno la nave più avanzata che si fosse mai vista.

Partì nel 1486 portando con sé la doppia bandiera della Loggia e quella dei reami nanici; l’equipaggio era formato principalmente da nani di Ughna fedeli al re, eccetto il primo ufficiale, Sora Gasai, un Halfling Piedilesti.

La Zacinta era una Corazzata rivestita in Mithral, dotata di remi meccanici e lanciafiamme. Portava con sé un trabucco, un ariete da guerra d’adamantio e otto balliste.

Ruolo Nome Classe
Capitano Re Aelumon Gali Difensore Nanico
Primo Ufficiale Sora Gasai Ladro / Portatore di Morte
Tutrice Kalaja Gali Ollam
Prelato Gundur Gali Sacerdote-guerriero

Eurus Septima

Vedi: Eurus Septima

Zephira Nihil

Vedi: Zephira Nihil

Diari di Bordo

Ogni Spedizione è stata dotata di un particolare quaderno magico: chi vi scrive da un lato (sulla nave) è come se scrivesse anche su un diario gemello che dovrebbe replicare esattamente ogni tratto di penna; per via dei disturbi divinatori dovuti alle proprietà della Cintura d'Onice, i messaggi arrivano incompleti e superata una certa distanza cessano completamente di trasmettere: questi sono i pezzi attualmente in possesso della Loggia.

Vedi anche: Diari Completi delle Spedizioni

Scirocco Prima

“Qui è il Commodoro Morris Burglar, Capitano della Scirocco Prima. Stiamo viaggiando in direzione Est, seguendo le tracce della Australia Secunda. Ovunque si siano cacciati, questa nave li prenderà e riporterà tutti indietro, inclusa mia figlia. Abbiamo lasciato la Cintura d’Onice da due giorni, il mare è quieto e le nuvole scarse. Procediamo con debole vento a favore.”

“Qui è Morris Burglar, Capitano della Scirocco Prima. Come dai precedenti messaggi, non son---ave è in buone cond---temp---resta prima che il diario sm---unzionare come alla Aus---biamo trova---cora niente. Contin---ggiare verso est. Ad Ignotum.”

“Qui è Conrad il Muto, primo uf---Morr---orto. L---ostro gigante che ha uc---iutateci---eradora—secunda non è q---aiut---por---a cas---"

Australia Secunda

“Per la grazia concessami da Corellon, Feradora Burglar a vostro umile servizio. La cintura d’onice ci saluta da ovest e copre il tramonto mentre avanziamo verso l’ignoto oriente. Fieri e ligi alla nostra fede, proseguiamo verso l’orizzonte sconosciuto. Dio lo vuole!”

“E’ il Capitano Feradora Burglar che vi scrive, crediamo che alcune interferenze non permettano al diario di inviare tutti i messaggi. Riscriverò questo altre tre volte, per essere sicura che---mo verso est ma il tempo inizia a cam---alcosa che non va. La nostra fortuna ci arriderà al sorgere del sole! Corellon non ci abbandonerà mai, finché seg---erra promessa.”

“A---anti con c---ato e poi si---ppiamo dai p---ol ex Velis.”

Libeccio Tertia

“Capitano Sir Irving Townsend al comando della Libeccio, ore sedici e trentotto minuti. La nostra nave ha superato la cintura d’onice, e come stabilito da protocollo, informo la Loggia della stabilità della rotta verso sud. I cerchi alchemici della Libeccio ci informano che siamo ancora nell’occhio del ciclone, e che la Cintura d’Onice presto interferirà con le comunicazioni e i teletrasporti. Ci prepariamo al silenzio radio.”

“Cap---send---eccio---dici e tr---bbiamo inc---costretti a usare il t---d’Onice rischia di compromet---periamo di non morire disinteg---x Magicae Dirig---mandi buona."

Maestrale Quarta

“Primo Ufficiale di Bordo, Earnest “Boccalarga” Lancaster. Sono stato incaricato dal capitano Blake Edwards di soprassedere il compito di comunicare con voi, mastro Fuinur. Tutti i paladini a bordo paiono sicurissimi del successo della spedizione, dicono che Pelor gliela manderà buona…se lo dicono loro. Certo però che se fossi stato io a guidarla, questa spedizione avrebbe avuto una disciplina un po’ meno rigida a bordo: pensate che hanno iniziato già a fare i turni di guardia. Ma dico io, chi deve attaccarci nel bel mezzo del nulla? E che abbiamo di così prezioso a bordo da costringerci a fare i turni? Hanno paura che qualche pirata li derubi del loro prezioso incenso per le preghiere? Scommetto che se ne incontrassimo, ci lascerebbero stare appena saputo che siamo completamente senza rum. Ah, ecco un’altra delle mie rimostranze: l’assenza degli alcolici. Avete idea di come si sente la ciurma? Dico, quella parte di noi che non è fissata con i dogmi di Heironeous e il pulire le spade ogni venti minuti. Ne vorrei parlare piuttosto approfonditamente, ma ora mi chiamano per andare a dare una mano sottocoperta. La prossima volta che vi contatterò, vi racconterò meglio delle mie opinioni sulla gestione della nave. Addio, mastro Fuinur.”

Tramontana Quinta

“Padre mio, la cintura d’Onice è superata. Secondo i quaderni della Libeccio, tra poco entreremo nella zona dei disturbi arcani delle isole e non riusciremo più a inviare messaggi. I miei uomini sono fieri e la nave resistente. Qualsiasi cosa accada, sta’ tranquillo e bada ai miei fratelli. Riuscirò nell’impresa, e tornerò, è una promessa.”

“L’h---ato. È st---ibile.”

Zacinta Sexta

“Vi scrive il Capitano Aelumon della casa Gali, primo del suo nome, re dei nani di Ughna e signore dei tesori sotterranei. La corazzata Zacinta è armata per annientare sei navi contemporaneamente. Non ci spaventa niente e nessuno. I nani di Ughna e l’equipaggio che ho reclutato servono solo ed unicamente me! È stato un piacere servirmi del vostro appoggio, ma d’ora in poi ce la caveremo benissimo da soli. Addio!”