Advenit Ventum Orientis Wiki
Advertisement

"Ho visto come mi guardano gli altri. Puoi rassicurarli, non fuggirò. Anche se volessi, dove dovrei andare? Non ho un doblone e ovunque vada c'è gente che mi vuole morta."

Seline d'Autremont è stata un Pioniere della Loggia di Capo Ventura, ex-capitano della Cercascogli, ex-corsara dell'Impero Handorien, ex-membro della ciurma della Bussola d'Argento e attualmente considerata traditrice della Loggia.

Descrizione

Originaria di Vaudemont, la bella Seline ha un passato colorito e un'abilità innata coi veleni che viene notata da Kiltus e che le varrà un posto come timoniere sulla Bussola d'Argento. Fedele alla Loggia per moltissimo tempo, come il suo ex-capitano non è mai stata una combattente e odia dover combattere i Mastini.

Odia dover giocare pulito e fa del lusso la sua missione di vita; è anche un'avida divoratrice di libri rosa.

Antefatto

E' stata in passato corsara sotto l'Impero prima di essere sconfitta in duello da Kiltus ed essersi poi unita alla Loggia.

Era amica di Raftal, faceva parte dell'equipaggio della Bussola d'Argento che catturò Nero Gomez un anno prima della partenza della Eurus Septima nel ruolo di timoniere.

Mastini d'Avorio

Da un anno a questa parte le era stata affidata la nave del capitano Besnik "Fortunale" Aghendor, la Cercascogli, con l'intenzione di sabotare le operazioni dei Mastini e salvare quante più persone possibili usando la sua esperienza da corsara. Questa fallimentare campagna militare voluta da Kerberos le costerà diversi equipaggi e la vita di molti suoi amici Pionieri.

Nel 1492 abborda la Serpica, una nave-rifornimento dei Mastini, e vi trova diversi oggetti magici sottratti al Tempio della Prima Fiamma di Southport, tra cui l'Anello di Maglubiyet, un potente artefatto in grado di controllare i goblin. E' in questo momento che architetta il piano per uscire da una situazione ormai stretta; secondo le leggi della gilda all'epoca in vigore, dimettersi da Pioniere l'avrebbe istantaneamente ridotta sul lastrico, perciò decide di fingersi morta nell'assalto.

Rubati gli oggetti ai Mastini, fa tornare la Cercascogli a Capo Ventura facendo promettere all'equipaggio laute ricompense in cambio del giuramento di ingannare Kerberos con un falso resoconto che la dava in fondo al mare. Intanto prende la Biancospino, una nave sottratta ai pirati tempo addietro, e la usa come base mobile per le operazioni di smercio degli oggetti trovati, usando i goblin come manodopera.

Per far passare non destare sospetti sulla nuova organizzazione criminale, crea il mito di Cappuccetto Rosso, il nuovo boss della malavita - inesistente - che ha radunato i goblin sotto di sé. I piani di contrabbando vengono inizialmente sabotati da Raftal, che successivamente insieme a Tholin Kydar scopre la presenza di goblin nel Magazzino nel Porto Vecchio di Capo Ventura.

Seline stava usando quel posto come deposito temporaneo dei prigionieri trovati sulla Serpica, che l'avevano vista in volto e rischiavano di mandare in fumo il suo piano. Le intenzioni originali erano di tenerli sedati con una variante del veleno usato dai Mastini d'Avorio acquistata da un mercante drow; quando tutti gli oggetti sarebbero stati contrabbandati, li avrebbe liberati lontano da Capo Ventura.

Lo sforzo congiunto di Raftal, Tholin, Deneb ed Elle porta alla battaglia contro la Biancospino al Bivio delle Correnti, dove viene catturata dai quattro.

Capo Ventura

La Loggia rilascia Seline affidandola ai Pionieri della Biancospino; questi decidono di darle una seconda possibilità e arruolarla nella ciurma, e nel frattempo ospitarla nella Residenza Kydar sotto la supervisione di Rhuna.

Dati di Gioco

Alleata

Battaglia al Bivio delle Correnti

Seline Alleata Statblock.png


Advertisement