Advenit Ventum Orientis Wiki
Advertisement
Attenzione: spoiler!

Questo articolo contiene informazioni riguardanti la trama!

Una panoramica sui linguaggi parlati tra il Continente Occidentale e l'Oceano d'Oriente.

Genealogia

AdVeOr Languages.png

Famiglie

Primordiale

Il primo linguaggio, anche se a stento si può definirlo tale. Il Primordiale è un modo di comunicare che trascende spazio, tempo, materia ed energia. Non è fatto da parole vere e proprie, ma da intenzioni, idee e sentimenti. È uno strumento estremamente potente, poiché al contrario delle altre lingue che descrivono qualcosa che esiste già, il Primordiale permette alle cose di esistere quando le definisce.

È la fonte della Magia Divina, da quando lo Spirito Raziel dei Misteri ha condiviso il suo potere con numerosi mortali invece che scegliersi un Arconte.

Le Parole del Potere, la Parola Sacra e i Veri Nomi sono tutte parole in Primordiale.

Linguaggi Divini

Il Celestiale e l'Infernale sono le prime variazioni del Primordiale, parlate dagli esterni e dai loro seguaci. Sono linguaggi descrittivi, molto meno potenti del proprio antenato comune.

L'Infernale, parlato dai diavoli, è stato storpiato dalle creature caotiche come i demoni (Abissale), gli Gnoll, o i Drow (Sottocomune).

Linguaggi Elementali

I linguaggi elementali sono parlati dagli esterni dei piani intermedi, e dalle creature ad esse affini. Alcuni sostengono siano linguaggi innati nelle creature mortali che possiedono sangue misto. I nani hanno per primi studiato questi linguaggi, codificandoli con il loro alfabeto.

Aquan

Il più interessante tra i linguaggi, legato al mondo acquatico. Nell'Occidente gli elfi di Minos lo parlavano come lingua natìa, e ne hanno adattato i dialetti che sono diventati la lingua madre dei loro cugini di terra, l'elfico Sindarin e Quenya. Nell'Oriente, un'altra variante, l'elfico Thedas, è stata sviluppata su Barusha ed è parlata dai nobili dell'isola. È stata introdotta nell'Occidente diversi secoli fa da Fen'Harel, durante la sua permanenza a Saramar, poiché scriveva in questa lingua tutti i suoi appunti di magia, interpretati successivamente dagli Esarchi. L'elfico è usato per scrivere la totalità di questo gruppo.

Auran

Linguaggio legato all'aria. Da esso derivano i diversi dialetti del Silvano, parlato dalle creature senzienti della foresta e in particolare dagli elfi silvani di Barusha e dai barbari del nord del Continente Occidentale. Da esso si sviluppano linguaggi più complessi, come il leggero Tabaxi - che è in realtà un misto di Silvano ed Halfling - e il più criptico codice Druidico. I suoi derivati vengono spesso scritti usando l'alfabeto elfico.

Terran

Il terran è il linguaggio della pietra. I Giganti lo adattarono per farne un linguaggio scritto e parlato che perdurò nell'Oriente per millenni, trasferendosi nell'Occidente insieme ad alcuni della loro specie che riuscirono ad attraversare le Barriere Planari. Si è trasformato in Nanico quando il popolo di Ughna ne ha ereditato la cultura, insegnandolo anche ai Goliath e involontariamente agli Orchi e ai Goblin. Questi ultimi nell'Oriente hanno sviluppato una variante simile dipendente direttamente dal Gigante originale, che sull'isola di Barusha è diventato anche il linguaggio Comune. Questa famiglia è comunemente scritta in alfabeto nanico.

Ignan

L'ignan è il linguaggio legato al fuoco. È quasi scomparso sul Piano Materiale, mentre un suo derivato più famoso, il Draconico, è la lingua ufficiale degli scritti magici. Fu istituzionalizzata da Saramar, che ereditò la cultura magocratica dell'Impero draconico Tharaasia anche dopo la sua caduta.

Alcuni draghi dell'Est riescono a comunicare brevi, sintetiche parole-versi in questa lingua; era anche la lingua ufficiale del clan dei nani draconici, andato estinto con il matrimonio di Jocelyn dei Draghi e Aelumon Gali.

L'Ignan adotta l'alfabetto draconico quando è trascritto.

Comuni

I Comuni sono le lingue parlate dalla maggior parte delle persone in un determinato posto. Nel Continente Occidentale, ad esempio, il Comune è spesso definito come Comune Capoventurese, poichè la città ha diffuso la sua lingua ovunque in passato grazie ai commerci e alle opportunità di avventure.

Esistono tuttavia altre varianti locali, come il Vaudemontiano, l'Imperiale e l'Avernusiano, che pur essendo talvolta diversi sono normalmente comprensibili con un minimo sforzo anche da coloro che non li parlano abitualmente.

Cosa diversa accade sulle isole dell'Est. Ogni isola, a causa del totale estraneamento dalle altre, ha sviluppato un linguaggio completamente proprio.

Isola Influenze
Barusha Goblin, elfico, silvano, aquan
Degah Bur Celestiale, silvano, gigante
Dinsoor Orchesco, gigante, draconico
Haritu Gigante, draconico, silvano
Jur-Ika Aquan, draconico
Enwari Celestiale, terran
Awassa Draconico, aquan, silvano
Murtag Terran
Hemwitch Sottocomune, draconico
Walico Infernale, gigante
Isola dei Pirati come Haritu
Larissa /
Megara /
Feronia /
Advertisement