Advenit Ventum Orientis Wiki
Advertisement

Il continente occidentale è un complessivo di terre emerse in quello che la Loggia definisce come Occidente. Esso non possiede un nome proprio; non ce n'è mai stato bisogno visto che è l'unico continente conosciuto finora. Le informazioni non viaggiano chissà quanto velocemente; la grandezza del continente e il livello di magia non troppo elevato rendono il trasporto marittimo la soluzione ideale per lo scambio di merci e informazioni.

Geografia

L'Occidente è una porzione di mondo universalmente riconosciuto come piatto; le terre conosciute, da nord a sud e da est a ovest hanno un diametro di circa 60'000 chilometri con epicentro il vulcano spento dove sorge Saramar, la città della magia oscura. Nessuno sa cosa ci sia oltre l'oceano ad Ovest né ad Est al di là della Cintura d'Onice; né nessuno è mai tornato dalle spedizioni nei ghiaccio a nord o a sud del continente.

Continente Occidentale Map.jpg

I territori facenti parti del continente sono eterogenei e distanti tra loro - non solo topograficamente.

Città Coloniali d'Oriente

Vedi Città Coloniali d'Oriente

Isole Vermiglie

Sono una zona geografica ad alta densità ferrosa che dà il tipico colore rossastro alla terra. Abitata principalmente da pirati, mostri e avventurieri con alto grado di audacia, possiede un unico porto sicuro, Forterosso; il resto delle cittadine sono perlopiù covi, accampamenti temporanei e piccole cittadine portuali contese dagli intrighi pirateschi.

Mastro Quillwill è originario di questo luogo.


Impero Handorien

L'Aquila Nera Imperiale, bandiera dell'Impero Handorien

Nato dalle ceneri dell'Impero Tharaasia, è la forza politica e militare più potente del continente. Si trova nella zona centro-settentrionale ed è nota ai più per la sua belligeranza e intolleranza culturale verso le altre nazioni. Più volte la Loggia si è trovata ad avere rapporti ambigui con i suoi governanti.

La capitale dell'Impero è Handoria, una metropoli fortificata che affaccia sulle gelide acque del nord. La dinastia omonima governa l'impero dalla sua nascita fino ai giorni nostri.

E' la patria di Asvig Scuotiterra.


Principati Ribelli

Essi sono una parte dell'Impero Handorien che ha dichiarato la propria indipendenza tempo fa. Approfittarono della guerra dell'Impero contro Avernus per assumere il controllo dei territori a sud e sono tutt'ora impegnati in costanti schermaglie per mantenere i territori conquistati.


Avernus

Il regno di Avernus è un luogo molto singolare; i suoi abitanti godono della fama di essere poco onesti e sono facilmente riconoscibli dal loro accento molto particolare. In passato è stato in guerra con l'impero Handorien che voleva annettere i suoi territori, uscendone indenne per pura fortuna; l'attacco cessò in seguito alla ribellione dei Principati.

Arrigo Verdini è originario di questo luogo.


Tharaasia

Tharaasia è ciò che resta dell'impero che nell'antichità governava su tutto il sud del continente. Abitata principalmente da razze draconiche, in seguito ad una serie di cause interne ha subito una costante diminuzione della popolazione che è tutt'ora in corso; si stima che tra qualche centinaio d'anni ogni forma draconica nel continente si estinguerà per sempre. Vista la geografia poco strategica e il clima rigido, pochi si avventurano fino a Io'lokar, la capitale.


Città Libere del Sud

Un tempo facevano parte dell'impero draconico di Tharaasia, ma sono state progressivamente abbandonate fino all'indipendenza pacifica ottenuta in seguito alla costante diminuzione del numero di draghi nel continente. Luoghi degni di nota sono la scuola di magia di Arvàns e Dunwall "città delle catene", una tirannica città che basa la sua economia sul commercio degli schiavi.

Nel 1491 la Bussola d'Argento capitanata da Kiltus Fuinur parte da Capo Ventura diretta a sud, in un viaggio durato un anno alla ricerca di ricchezze per finanziare parte della Eurus Septima. Resoconti inviati al capomastro Kilash Fuinur lasciano intendere che Kiltus abbia avuto a che fare con strani eventi capitati in quelle zone.

Diverse isole, città e territori indipendenti fanno geograficamente parte di questa pseudo-nazione:

  • L'isola di Solyst, di cui Elinoor Thorn è originaria; una piccola isoletta di pescatori lontana dalle rotte più frequentate.
  • I territori di Kulan, vaste praterie con sporadiche cittadine - tra cui Duna Blu - abitate dalle razze esotiche quali Kenku, Tabaxi e Avariel. Deneb è originario di questo luogo.
  • Il villaggio di Keld, di cui Iver è originario, si trovava sulle coste sopra Dunwall; un maremoto nell'anno 1482 ha raso al suolo il villaggio, sparpagliandone la popolazione altrove.


Elon

Elon è un termine elfico che significa "costa". La nazione è un insieme di cittadine e villaggi tributari alla città di Kindshire, che tuttavia non si è mai autodefinita capitale. L'unica altra città degna di nota è Southport, nei pressi del quale esiste il Tempio della Prima Fiamma, un edificio solitario gestito dalle sacerdotesse elfiche dedicato al dio dell'artigianato Gond.

Miranda è originaria di Southport.


Vaudemont

Vedi Vaudemont

Territori Tribali del Nord

Essi non sono un vero e proprio stato, ma piuttosto una serie di villaggi appartenenti a tribù di stampo razziale ognuna delle quali venera un antico dio-animale della natura dalla quale prende il nome. Decenni or sono l'Impero Handorien provò a conquistare il nord in una lunga e sanguinosa guerra che vide le tribù unite sotto un'unica federazione comandata da un generale imperiale ribelle; la guerra si concluse con un nulla di fatto; la crescente popolazione ha spinto le tribù a cercare nuove terre abitabili ad Ovest, nella Foresta di Brecilian, un luogo abitato e protetto dal circolo druidico omonimo. La guerra che ne è scoppiata è tutt'ora in corso e vede entrambe le parti incapaci di dare un colpo definitivo alla fazione opposta.

Saramar

Vedi: Saramar

Ughna

Vedi: Ughna

Cintura d'Onice

Vedi Cintura d'Onice

Storia

Saramar

L'inizio della civiltà conosciuta la troviamo in numerosi miti della creazione, ma solo negli Archivi Proibiti di Saramar otteniamo alcune prove concrete del fatto che la città della magia oscura fu la prima tra tutte ad essere costruita quando i Sei Arcimaghi - Mordenkainen, Tenser, Bigby, Edvard, Nystul e Otiluke - giunsero nel continente da un luogo sconosciuto, donando la magia arcana ai draghi.

I Tre Imperi

Le testimonianze storiche più antiche sostengono che tre grandi fazioni controllavano il mondo nell'antichità, chiamati i Tre Imperi; l'impero draconico di Tharaasia sul continente (di cui Saramar era la capitale originale), i nani di Ughna sottoterra e la civiltà di Minos nei mari orientali.

Sappiamo ben poco di ognuna di queste, avendo come unica certezza il fatto che le relazioni tra loro fossero tutt'altro che pacifiche.

Escludendo i nani di Ughna, che per ragioni politico-sociali riuscirono a mantenere intatto il loro impero per millenni, delle grandi potenze dell'antichità rimane ben poco: Minos venne distrutta da un cataclisma sconosciuto molto tempo fa e dimenticata per secoli, fino all'Anno Zero; l'impero draconico prosperò invece per millenni fino all'inizio delle rivolte degli umanoidi. Esse portarono alla diminuzione drastica del numero di draghi nel mondo e i vuoti di potere permisero ai ribelli di acquisire sempre più territori - a partire dalla scissione della Città della Magia Oscura, che rimase indipendente sin da allora - e poi relegando gli ultimi residui dell'impero nel profondo sud del continente.

Il Nuovo Impero e la Loggia

Dalle ceneri dell'impero draconico di Tharaasia nasce nasce il nuovo Impero Handorien, una nazione costruita sulle rovine draconiche da cui eredita la forma di governo assolutista e il commercio di schiavi come forma di arricchimento.

Quasi contemporaneamente alla sua fondazione, Morris Burglar arriva nei pressi di Punta Alice con la Scirocco, fondando Capo Ventura e la Loggia.

Il nuovo impero dichiara quindi guerra a tutte le città stato adiacenti, conquistandole una dopo l'altra, e infine cercando di annettere la debole nazione di Avernus; la campagna militare si ferma quando insorgono i Principati Ribelli, un gruppo di città e villaggi governati da nobili contrari allo schiavismo. Il conflitto si risolve in un nulla di fatto.

Intanto nel lato orientale del continente inizia l'era d'oro della pirateria quando il primo Flagello dei Mari, Jack Gomez 'Bolero Jack', sconvolge gli equilibri di potere in mare grazie al temibile equipaggio della sua nave, la Jocasta. Dopo di lui altri pirati nobili dileggeranno la marina imperiale prendendo possesso dei mari orientali.

Storia contemporanea

Presto l'Impero attacca nuovamente, stavolta a nord. Le campagne militari alla conquista dei territori tribali sono sanguinosissime per entrambe le parti; in seguito al tradimento di Asvig Scuotiterra, l'impero è costretto a fermarsi prima di aver conquistato ogni cosa.

Ma non è finita per i barbari del nord: la guerra contro Brecilian continua a fare vittime. I primi sono alla ricerca di nuovi territori da colonizzare per via del sovraffollamento dovuto alle ultime conquiste imperiali; i secondi sono invece votati alla legge sacra della foresta, che stabilisce che nessun barbaro può avvicinarsi ai circoli druidici.

Nel frattempo le cose si smuovono anche nell'est del continente: dopo la cattura dell'ultimo Flagello dei Mari da parte della Loggia, il vuoto di potere permette a una nuova gilda di cultisti di espandersi nei mari.

Vedi anche: Linea Temporale

Distanze

Vedi: Tabella delle distanze

Advertisement