Advenit Ventum Orientis Wiki
Advertisement

"Questa foresta è più infestata di un panino al formaggio"

Ardager è un monaco eremita che vive nella Foresta Yechilay; è lo strano custode del tempio di Selam, fratello di sangue del capovillaggio di Samre, Galifar.

Descrizione

Sulla cima di una grande roccia sferica di almeno un metro e sessanta di diametro si erge un elfo dai vallaslin molto pronunciati, vestito di abiti leggeri e che porta in grembo un bastone da passeggio. Sta evidentemente dormendo/meditando sulla roccia, e non fa apparentemente caso a voi che siete appena giunti.

L'elfo si sveglia e vi guarda, dubbioso: "Cosa...? Siete reali?" scende dalla pietra con

una capriola, vi si avvicina camminando con fare serpentino, vi prende il volto con entrambe le mani osservandovi le gengive e i denti da vicino e poi conclude: "Incredibile...sì, siete reali!" Arsak lo guarda a metà tra l'incredulo e il deluso. Te lo indica con fare interrogativo, come per dire: "QUESTO dovrebbe risolvere i nostri problemi?!" ma l'elfo non ci fa caso, saltando da una parte all'altra dall'entusiasmo con piroette e salti mortali come una molla impazzita. "GENTE VERA E' ARRIVATA! SUONATE I TAMBURI! SONO PIU' FELICE DI UN SASSO SU UN ALBERO DI CARRUBE!" Noti chiaramente il capitano strizzare gli occhi alla sua similitudine. Evidentemente non l'ha capita nemmeno lui.

- Randal e Arsak incontrano Ardager per la prima volta

Ardager è un elfo molto singolare; viene periodicamente incontrato dai pellegrini di Selam, che vengono da lui accolti, nutriti e guariti da ogni forma di malanno. Forse per questo motivo, molti chiudono un occhio sulla sua apparente follia dettata da secoli di completa solitudine. Uno dei suoi tratti caratteristici - a stento sopportabili da alcuni, tra i quali Arrigo - è la totale incapacità di usare concetti semplici come le similitudini.

Storia

Antefatto

Nasce a Samre e per molto tempo non condivide le idee del fratello Galifar, da lui giudicate troppo estremiste e belligeranti. Dopo anni di litigi viene infine esiliato dal villaggio e trova riparo nel tempio della foresta, nella quale si stabilisce e ottiene il mandato divino dal dio Rao in persona. Le voci che possa guarire le malattie si diffondono in seguito all'aiuto offerto a diversi viandanti contro le creature non-morte, e i pellegrini iniziano a raggiungere il tempio per porre i propri omaggi al dio.

Eurus Septima

Offre ospitalità a Randal, Arrigo e Arsak; cerca di risolvere - invano - il Disallineamento del primo causato dal contrasto con lo Spirito della Vendetta, e perciò gli indica di proseguire verso Samre, sperando che suo fratello Galifar possa avere altri strumenti per guarirlo. Nel frattempo parla con Arsak mettendo in crisi la sua fede verso il dio della Pace.

Advertisement