Advenit Ventum Orientis Wiki
Advertisement
"Non è un potere per i mortali. Deve restare dov'è, o mettiamo a rischio l'equilibrio naturale delle cose."

Fen'Harel alla Eurus Septima

Viene definito Arcontato il modo in cui uno Spirito dal Piano delle Ombre possiede un mortale sul Piano Materiale sfruttando la labile connessione che li lega attraverso il Piano Onirico.

Descrizione

Cosa è esattamente un'Arconte? Un vessillo? Un parassita? Un ospite? Un malato terminale? Il fenomeno per il quale un'entità onirica trasferisca una porzione della sua onniscenza in un mortale è di per sé talmente improbabile e oscuro che è quasi impossibile definirlo con precisione. I Sei padri della Magia - Mordenkainen, Tenser, Bigby, Edvard, Nystul e Otiluke - che fondarono le basi della teoria arcana non scrissero nulla riguardo agli Spiriti, anche se è difficile pensare che fossero completamente all'oscuro della presenza di questi esemplari.

Forse non ne sapevano abbastanza, preferendo mantenere un senso di continuità e completezza nei loro scritti, escludendo questi argomenti? Forse i paragrafi relativi a queste conoscenze sono state cancellati nel tempo, in seguito a qualche complotto? O forse ancora, conoscendone la pericolosità, hanno preferito mantenere i più all'oscuro di tutto?

Estratto da Degli Arconti e Spiriti, guida introduttiva al Piano Onirico, dell'esarca Ygil Kron.

Uno Spirito attraversa le Barriere Planari per raggiungere un mortale nel Piano Materiale a partire dal Piano Onirico.

Spiriti

[...] Il loro nome deriva dal Primordiale δαιμον, che significa, appunto, entità. Come tutti gli spiriti, anelano per natura di camminare nel Piano Materiale e sono disposti a corrompere con il loro potere i mortali che reputano più affini a loro affinché ciò avvenga. Più la persona è affine, più potere possono incanalare, maggiore è la porzione di coscienza che possono portare su questo piano.

Qui nell'Est, le cose sono diverse. I poteri di questi demoni raggiungono il Piano Materiale, riescono ad ancorarsi ad oggetti fisici ed alle persone. [..] Le entità non hanno morale, non la concepiscono. Uno spirito del fuoco non arde il mondo perché è malvagio, lo fa perché il suo unico scopo è ardere! Questo è il più grande pericolo, che il loro potere si manifesti in persone che non hanno la forza di controllarlo.

Fen'Harel alla Eurus Septima

Gli Spiriti sono entità amorali che rappresentano un concetto e ne tendono per natura all'esasperazione. Nessuno sa da dove provengano o quale sia il loro piano di origine, anche se Fen'Harel sostiene che attualmente risiedano nel Piano delle Ombre. Possiedono un potere infinito che diminuisce man mano che ci si avvicina al Piano Materiale; per accedervi hanno bisogno di stringere un accordo con (o talvolta invadere la mente di) un mortale, che contattano attraverso il Piano Onirico, attraverso il quale sono liberi di viaggiare trasferendo una piccola parte del loro potere. Come visto più volte, gli Spiriti hanno modi estremamente diversi di approcciarsi ai mortali; alcuni, come lo Scacchista o Vendetta, appaiono frequentemente e tendono a dialogare prendendo in prestito il linguaggio subconscio del proprio ospite. Altri, come Tempesta o Focolare, tendono a manifestare la propria volontà attraverso sogni e fenomeni magici invece dell'uso della parola.

Arconti

Quando un mortale possiede un'anima abbastanza affine alla volontà intellegibile di uno Spirito, questi finisce per trovarlo sul Piano Materiale e inizia a infestare i suoi sogni e la sua coscienza, cercando di convincerlo ad accettare di diventare il vessillo di una piccola porzione della sua coscienza in cambio di poteri magici.

Gli Arconti sono personalità spesso eclettiche e particolarmente dotate, esemplari di un concetto o di un elemento. Anche se non è mai stata dimostrata l'ereditarietà della predisposizione a diventare Arconti, ci sono alcune eccezioni che fanno presumere il contrario, come ad esempio la famiglia Fuinur, o il ramo femminile della casata Alamaire.

Uno Spirito che si lega ad un Arconte fonde l'anima dell'ospite con la propria coscienza, e diventa perciò impossibile da rimuovere se non tramite l'utilizzo del suo Vero Nome.

Quando un Arconte muore lo Spirito torna libero nel Piano Onirico; tuttavia accade spesso che, prima che la sua essenza scompaia dal Piano Materiale, esso si aggrappi a un oggetto o ad un essere vivente nelle vicinanze.

Disallineamento

Quando un ospite devia dalla volontà impressa dallo Spirito si verifica ciò che Fen'Harel chiama Disallineamento. Un ospite disallineato inizia a soffrire di corruzione fisica e/o mentale derivata dal tumore dell'anima causato dallo Spirito. Esistono solo due modi per terminare il disallineamento: tornare perseguire la volontà dello Spirito oppure rimuoverlo. Altrimenti la malattia porta inevitabilmente alla morte dell'Arconte, a seguito del quale lo Spirito torna libero e capace di scegliere un nuovo, più adatto, vessillo.

Vero Nome

Il Vero Nome è una parola in Primordiale che identifica univocamente un essere all'interno del Multiverso. Chi possiede il Vero Nome di una persona ed è capace di usarlo, può manipolare quell'essere a suo piacimento.

Nel caso degli Arconti, conoscere il vero nome di un mortale può inibirne a comando la capacità di ascoltare lo Spirito, e perciò di interrompere il flusso dei poteri da esso concessogli. Nel caso del Vero Nome di uno Spirito, invece, si può estrarlo, rinchiuderlo o bandirlo da una persona o da un oggetto.

Alcuni Arconti possiedono il potere innato dei Veri Nomi, come Sandrine Alamaire delle Parole o il Temibile Lupo dei Sogni.

Lista degli Arconti

Conosciuti

  • Randal Ridley - Arconte del Focolare
  • Sandrine Alamaire - Arconte delle Parole
  • Besnik Aghendor - Arconte della Tempesta
  • Kilagas Fuinur - Arconte delle Ombre
  • Garman - Arconte degli Oceani
  • Fen'Harel - Arconte dei Sogni
  • Randal Ridley - Arconte della Vendetta
  • Vaniglio - Arconte della Vendetta
  • Kiltus Fuinur - Arconte dei Gemelli
  • Xoranos - Arconte del Terrore
  • Uthen - Arconte del Tempo
  • Azamatar e Jazira - Arconti della Conoscenza
  • Jaboris l'Istitutore - Arconte delle Stell
  • Zabulee delle Fiamme - Arconte delle Fiamme
  • Veshone dell'Ariete - Arconte dell'Ariete
  • Dakala del Leone - Arconte del Leone
  • Leonetta del Canto - Arconte del Canto
  • Novanna delle Visioni - Arconte delle Visioni

Mancati

  • Genevieve Loreman - non supera la prova dello Scacchista
  • Abelas - non supera la prova dello Scacchista
  • Reginald - non supera la prova dello Scacchista
  • Randal Ridley - viene interrotto durante la prova di Tyriel per diventare Arconte dei Legami

Curiosità

  • Da che se ne sappia, non è mai esistito un Arconte di tipo Esterno.
  • Anche se la maggior parte degli Arconti sono umanoidi, si è più volte verificato che uno Spirito decida di legarsi ad una creatura mostruosa
    • Un esempio è Gaduul, Arconte dei Draghi.
    • Un altro esempio è Vaniglio, Arconte della Vendetta
  • L'attrazione degli Spiriti verso il Piano Materiale spinge Bezaliel delle Ombre a ingannare Kilagas cercando di fargli distruggere le Barriere Planari.
    • Ciò causa gli eventi che portano alla distruzione della Eurus Septima e che fanno di Kilagas l'antagonista principale di Advenit Ventum Orientis.
    • E' probabile che la distruzione delle Barriere Planari disintegrerebbe il Piano Materiale.
    • La stessa cosa tentò di fare Samshiel dell'Eclissi in tempi remoti, causando la distruzione totale di Minos.
  • Fen'Harel trovò un modo per sigillare gli Spiriti dentro la prigione di Megara, impedendo loro di infestare il Piano Onirico e manifestare nuovi Arconti.
    • Kilagas trova Megara grazie a Xoranos e inizia a liberare gli Spiriti. Questo è il motivo che spinge Fen'Harel a tornare nell'Oceano d'Oriente.
Advertisement